SONDAGGIO

Solo alcune delle università dove è presente la facoltà di farmacia hanno istituito la scuola di specializzazione in farmacia ospedaliera. Le modalità d’ingresso sono enormemente disomogenee: per la maggior parte la prova scritta consiste nello sviluppo di temi che vengono poi valutati a discrezione della commissione. I temi sono diversi tra le varie università con alcune tracce per le quali è difficile, se non addirittura impossibile, trovare materiale su cui studiare per la preparazione al concorso tanto da indurre gli studenti a cercarlo navigando sul web. Alcune università poi prevedono una prova di lingua inglese, altre una prova orale ed altre quiz a risposta multipla con quesiti che trattano argomenti che a volte non vengono neanche menzionati durante il corso di studio universitario. Alla luce di quanto detto, ritenete opportuno pertanto l’istituzione di un’unica prova scritta d’ingresso che sia uguale in tutta Italia ed uniformata su tutto il territorio nazionale?
13/06/2017